L'assistenza ostetrica in gravidanza

La gravidanza è un periodo di perfetta salute della vita di una donna, un passaggio naturale a cui il corpo è predisposto.

L'assistenza prenatale da parte di un'ostetrica comprende:

  • Educazione.
  • Counselling.
  • Screening.
  • Trattamenti finalizzati a monitorare e promuovere il benessere di madre e feto.

ostetrica bresciaIn modo ideale, dovrebbero essere proposti solo interventi di provata efficacia - per i quali i benefici superano nettamente i rischi associati a ogni intervento - e accettabili dalle donne in gravidanza e dalle loro famiglie. Per consentire un controllo della spesa sanitaria ed una appropriatezza degli interventi, solo gli esami necessari sono esenti dal ticket durante la gravidanza.
Il compito dell’ostetrica è promuovere la fisiologia, quindi favorire il benessere globale, nonché eseguire i controlli di routine raccomandati dalle linee guida del Ministero della Salute.

L'assistenza delle ostetriche o dei medici di famiglia, comparata con quella effettuata da specialisti ostetrici ginecologi, è associata ad un miglior gradimento dell'assistenza da parte della donna e a migliori esiti materno/fetali (Villar J, Khan-Neelofur D. Patterns of routine antenatal care for low-risk pregnancy - Cochrane Review).

L’assistenza può iniziare già in fase pre-concezionale: la coppia che desidera una gravidanza può chiedere un colloquio riguardante stili di vita, alimentazione, regolazione naturale della fertilità e sottoporsi ad alcuni esami gratuitamente.

La donna gravida può rivolgersi ai consultori pubblici o accreditati oppure ad una ostetrica libera professionista.

Durante il primo incontro viene fatta una anamnesi accurata, calcolata la data presunta del parto sulla base dell’ultima mestruazione e ci si conosce reciprocamente. Viene dedicato molto tempo anche all’ascolto e alle domande e viene offerta la possibilità di eseguire indagini per la diagnosi prenatale della sindrome di Down e altre anomalie cromosomiche. Infine vengono proposti gli esami e le ecografie consigliati.

Ad oggi solo poche regioni hanno istituito l’Agenda della Gravidanza contenente le impegnative degli esami e delle ecografie, perciò la donna che in Lombardia viene seguita dall’ostetrica dovrà poi fare riferimento ad un medico del Servizio Sanitario Nazionale (medico di base o ginecologo del consultorio) per la prescrizione.

ostetrica bresciaQualora dall’anamnesi - o durante i controlli successivi - dovessero emergere una o più patologie, i controlli continueranno in collaborazione con il medico ginecologo.
Durante i successivi incontri, che avvengono all’incirca a cadenza mensile, si valuta di volta in volta il benessere materno/fetale attraverso:

  • Visione di esami ematici ed ecografie
  • Misurazione della pressione arteriosa: non deve superare i 140/90 mmHg
  • Misurazione della distanza sinfisi-fondo: la donna si sdraia sul lettino o sul divano e con un metro l’ostetrica misura la distanza tra la sinfisi pubica e il fondo dell’utero per verificare che il feto stia crescendo adeguatamente
  • manovre di Leopold: si eseguono con le mani sull’addome della donna per capire la posizione del feto all’interno dell’utero e  trovare il punto migliore per auscultare il battito cardiaco fetale o a termine per verificare la presentazione (cefalica o podalica)
  •  auscultazione del battito cardiaco fetale

Non vi è indicazione ad eseguire la visita vaginale ad ogni incontro perciò questa viene proposta in genere all’inizio e alla fine della gravidanza o nel caso se ne rilevi la necessità.
Le ecografie consigliate in gravidanza sono tre e normalmente vengono eseguite in ospedale o in ambulatori convenzionati:

  • la prima entro 12 settimane e 6 giorni per confermare l’epoca di gravidanza e determinare se è singola o gemellare
  • la seconda tra le 19 e le 21 settimane per individuare eventuali malformazioni fetali con una sensibilità media del 50% (fonte Spedali Civili di Brescia)
  • la terza tra le 30 e le 32 settimane per valutare la crescita fetale, la presentazione fetale e la posizione della placenta

In caso di presentazione podalica vengono proposte diverse tecniche per aumentare le probabilità che il feto si giri, come la moxibustione e la versione per manovre esterne.
In base all’epoca di gravidanza, durante le visite vengono affrontati diversi argomenti, come l’alimentazione in gravidanza, i sani stili di vita, la possibilità di frequentare il corso di accompagnamento alla nascita, la scelta del luogo del parto, il travaglio, i servizi di dimissione protetta, l’allattamento etc.

Quando la gravidanza volge verso il termine si prendono contatti con la struttura ospedaliera scelta per il parto e si programmano i controlli a 40 settimane.

Durante i 9 mesi l’ostetrica, diventa un punto di riferimento per la famiglia e la necessità di assistenza, non si ferma con il parto!

Le donne che scelgono un’ostetrica libera professionista hanno la possibilità di richiedere la sua presenza anche per il travaglio e parto.

Nel post-parto l’assistenza continua tramite visite domiciliari o incontri di gruppo con altre mamme per il sostegno all’allattamento.


Riferimenti:
www.saperidoc.it
Ministero della Salute – Linee guida Gravidanza fisiologica (2011)
Linee guida SIEOG (2010)

SCARICA L'AGENDA DELLA GRAVIDANZA

Vai all'inizio della pagina

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate,
rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su COOKIES POLICY.